venerdì 12 dicembre 2008

I'vent oltre ogni aspettativa.

Con l’avvicinarsi del Natale vorrei parlarvi di un’iniziativa realizzata da I'vent per sostenere quei piccoli eventi interni alle aziende, molto importanti però per fare squadra. Uno di questi è la Cena di Natale aziendale, un rito, un modo per stare insieme senza le formalità e le rigidità che generalmente permeano la vita lavorativa. Si mangia e si beve, si ride e si scherza e spesso la cena diventa l'occasione per mettere scherzosamente "alla berlina" il capo (almeno per una sera!).

Come convincere le aziende che è un peccato rinunciarvi?

I concetti su cui abbiamo lavorato sono:
Natale, mangiare, stare insieme, bene anche con poco.
Siamo partiti dal Natale e dal cibo (Cena di Natale) per focalizzarci su una specialità gastronomica della tradizione natalizia: i biscotti allo zenzero. Una ricetta facile ed anche economica il cui risultato si può anche appendere all'albero.
Da qui poi lo sviluppo di tutta la comunicazione che punta sulla multisensorialità degli eventi.
Dal punto di vista creativo abbiamo realizzato una vera e propria scatola di biscotti in cui è stato confezionato un biscottone allo zenzero formato albero di natale con un inserto di cioccolato bianco.


L'invito è: assaggiaci, prova la nostra bravura, simboleggiata dalla bontà del biscotto, e la nostra capacità di personalizzazione, simboleggiata dal fatto che il biscotto è realizzato da un pasticcere artigiano (che credo che dopo averci conosciuto cambierà mestiere...).
Insieme a ciò, abbiamo trovato la simpatica battuta del vignettista Mauro Biani, “Babbo Natale esiste? La domanda è mal posta. Il quesito giusto è: Perché possiamo ancora permetterci Babbo Natale?”, il quale ha richiesto di devolvere il compenso spettantegli all’associazione AMANI Onlus, che si occupa di progetti e adozioni a distanza nel continente africano, e a 'U Cuntu, giornale antimafia

L'idea è stata di utilizzare la battuta di Biani tipo le "massime" che si trovano nei biscotti della fortuna: sarà perciò una sorpresa che il destinatario trova aprendo il mailing.


Bianca Mutti

Nessun commento: