venerdì 16 gennaio 2009

Il marketing che diventa mobile.

Un tema che ci coinvolge direttamente e sul quale penso sia utile fare delle riflessioni riguarda l’espansione che sta avendo il mercato mondiale del mobile advertising. Infatti secondo una ricerca di ABI Research, entro la fine del 2011 questo mercato raggiungerà un valore assoluto di 20 miliardi di dollari.
Un buon risultato, soprattutto se consideriamo che nel mondo sono stimati 3 miliardi di cellulari e che in Italia ne sono stati venduti solo nell’ultimo anno circa 22 milioni. Crescerà dunque il numero di aziende che investirà in campagne di marketing con il telefonino, il quale sarà lo strumento principe per costruire la relazione con il cliente con l’inevitabile conseguenza di un aumento dei servizi di mobile marketing, visto che i consumatori accederanno sempre più ad internet con il telefonino.

Sembra così logico pensare un’evoluzione del web che diventa mobile, che comporta lo sviluppo di una strategia basata su una forte integrazione tra il mondo Mobile e quello Web che fanno leva sull’ampia customer base, sul brand, sui servizi, sui contenuti, sulle competenze tecnologiche.
Per non farsi cogliere impreparate le Web Company stanno stringendo accordi di partnership contemporaneamente sia con le Telco, per mettere a disposizione i propri contenuti, sia con i produttori di terminali. Infatti una tecnologia innovativa ad essere cresciuta molto è il Mobile Browsing le cui applicazioni più diffuse riguardano display advertising sia on che off portal, con rimandi al sito dell’azienda o alla possibilità di scaricare widget o contenuti multimediali legati al brand (advergame, wallpaper, video).

Un altro boom nell’ambito mobile sarà costituito dalla possibilità di raggiungere i siti dei vari Social Network tramite il proprio cellulare. Da un recente report di ABI Research emerge che nei prossimi 5 anni oltre 140 milioni di persone accederanno ai social network tramite cellulare, un mercato in continua evoluzione dove i dispositivi mobili di accesso ad internet tenderanno a prevalere molto rapidamente su quelli dei PC.
Un’opportunità da sfruttare alla luce di questa fase congiunturale incerta e negativa, dove la presa di coscienza da parte delle imprese italiane che il numero di utenti del Mobile Internet è in costante aumento non può che non portare alla conoscenza di fasce interessanti della popolazione italiana utile per offrire servizi mirati e su misura. E dato che – come ha detto Andrew Bud, presidente del Mobile Entertainment Forum- “ L’Italia è leader mondiale in questo mercato” perché soffermarci a guardare e non migliorare?

Bianca Mutti

Nessun commento: