martedì 7 aprile 2009

Casa Golubka, una seconda possibilità.

Durante il periodo natalizio ci eravamo soffermati sull’iniziativa che da un paio d’anni promuoviamo e riguarda il sostegno a "Casa Golubka", una casa che si trova a Novosibirsk, in Siberia.

Ora, a distanza di un paio di mesi, per merito di Avsi - Organizzazione Non Governativa - possiamo finalmente affermare con orgoglio che si iniziano a vedere i primi frutti, grazie a tutti quelli che come noi hanno deciso di dare una mano e sostenere queste attività di "Casa Golubka". Questa casa nasce per rispondere al bisogno di ospitalità di ragazze madri dal passato drammatico, per aiutarle durante il periodo della gravidanza e del parto, con lo scopo di raggiungere una condizione di vita indipendente attraverso un percorso di qualifica professionale, di ricerca di un lavoro e di una casa.

Si tratta di un progetto molto impegnativo anche perché la convivenza di donne provenienti da contesti difficili richiede un attento lavoro, ma piano piano i risultati stanno arrivando.

Grazie al dipartimento sociale del comune di Novosibirsk è stato sottoscritto un accordo che consente alle mamme che hanno trascorso un periodo della loro vita questa struttura di mandare i loro figli in asili comunali a condizioni vantaggiose, permettendo loro di lavorare attivamente mentre i figli sono seguiti dalle maestre. "Il prossimo obiettivo - ha dichiarato da Tamara Vasiljevna Koldina, direttore politiche sociali del comune di Novosibirsk - è quello di avere una casa più grande."

La Casa Golubka partecipa agli Obiettivi del Millennio delle Nazioni Unite che vogliono migliorare entro il 2015 le condizioni di vita delle persone nel mondo con attività svolte da governi, istituzioni, e anche organizzazioni come Avsi.

Basta poco per cambiare la vita delle persone.

Bianca Mutti

Nessun commento: