venerdì 29 maggio 2009

Nielsen Online: il mobile cresce.

Il tasso di crescita e lo sviluppo che sta vivendo il mobile conferma le previsioni e va ben oltre le aspettative.
Gli ultimi dati di Nielsen Online ci hanno mostrato lo scenario dell’internet mobile nel nostro paese, che a quanto pare sono molto confortanti.

In Italia, infatti, il 13% degli utenti di telefonini, pari a circa 6 milioni di individui, nel primo trimestre del 2009 si è connesso a internet almeno una volta al mese, con una media per persona di dieci accessi mensili della durata media di 11 minuti.

Tra le categorie più visitate, com’era ipotizzabile prevedere, i portali generalisti, a cui è approdato quasi il 90% dei navigatori mobile, seguiti dalle e-mail, utilizzate da oltre la metà dei mobile-nauti in media ben 20 volte al mese, e i siti di news, che raccolgono più di un terzo degli utenti web mobile. Questa ricerca evidenzia anche il successo dei siti che forniscono notizie e informazioni utili quotidianamente, come il meteo e le mappe, oppure i siti utili per conoscere i risultati sportivi.

Non è una sorpresa invece che tra le categorie che sono cresciute di più compaia il fenomeno del XXI sec, i social network, che raggiungono il 14% dei navigatori internet mobile contro il 4% di un anno fa. Facebook si conferma leader con dati eccezionali: l’80% di chi visita un social network, infatti, accede a Facebook.

La propensione all’internet mobile è misurata anche dall’ultimo rapporto di ITMedia Consulting, che prevede una forte crescita esponenziale, tanto che a fine 2012 gli utenti in mobilità potrebbero essere oltre 50 milioni. Questa dinamica di sviluppo del traffico mobile è stata analizzata anche dal Cisco Visual Networking Index Mobile Forecast 2008-2013 che ne evidenzia il possibile incremento a un tasso di crescita composto annuale del 131%.

Se il passato è passato, il futuro è molto più vicino di quel che sembra, e le opportunità si colgono una volta sola. Sviluppare i servizi mobile vuol dire consolidare la propria posizione competitiva domani.

Bianca Mutti

Nessun commento: