giovedì 24 settembre 2009

Co - marketing nello sport per unire il mondo

Il 21 settembre si è festeggiato il giorno mondiale della pace: per enfatizzare il significato di questo giorno importante in molti si sono mossi per comunicare un messaggio di fratellanza.

E lo sport, da sempre, comunica pace.

Importante strumento educativo, lo sport è sempre più spesso anche un canale: gli sportivi diventano veri e proprio esempi da imitare per i giovani, responsabili per questo dei loro comportamenti.

Il mondo dello sport è un contesto dove si creano occasioni in cui persone di diverse etnie, culture e provenienze si riuniscono per dare libero sfogo alla loro passione, mettendo da parte quelle barriere culturali e sociali che tipicamente alimentano contrasti e disagi fino allo scatenarsi di vere e proprie guerre.

Come segno di collaborazione, i dipendenti di Adidas e Puma hanno giocato insieme una partita di calcio alla quale è seguita la proiezione del film “The day after peace” di Jeremy Gilley, direttore e fondatore di “Peace One Day”.



Tramite questa partita “benefica”, Adidas e Puma divulgheranno il messaggio e l’idea del “Peace One Day” anche negli stadi di calcio di Monaco e Stoccarda durante l’intervallo delle partite della Bundesliga Bayern Monaco contro FC Norimberga e VfB Stoccarda contro FC Colonia in programma domani al fine di sensibilizzare il pubblico.

Considerata la grande diffusione dello sport nella società, è compito di tutti adoperarsi affinché l'attività sportiva rimanga strumento per l'educazione e diffonda valori quali la lealtà, l'onestà, il rispetto.

Quando lo sport fa miracoli… può unire il mondo!

Bianca Mutti

Nessun commento: