venerdì 9 ottobre 2009

Quando il brand è solidale...

Il marchio per il sociale? Oggi i brand investono sempre di più in solidarietà: i progetti solidali e culturali non sono più una spesa, ma un vero e proprio investimento, che ha un ritorno nell’immagine del brand stesso e nella percezione che ne hanno i clienti.

Investimenti che in Italia fanno muovere cifre attorno al miliardo di euro all’anno e che spingono il 65% delle aziende a finanziare il no profit e le azioni solidali. I progetti preferiti dalle aziende? Il 52% sceglie di destinare capitali al sostegno umanitario; il 35% alle iniziative culturali; il 31% a servizi per il personale dell’azienda.



La solidarietà, ormai, è divenuta quindi un vero e proprio lavoro, una parte delle mansioni svolte nelle aziende, ma anche nelle onlus e nelle strutture che si occupano di sociale: ricercare investitori, dialogare con le aziende, sapersi confrontare con i brand è diventato indispensabile per chi si occupa di progetti con intento benefico.

Investimenti, attività, impegno e lavori che portano a risultati per tutti: l’altruismo e le necessità del brand si possono sposare oggi con progetti di solidarietà.

Auguriamo a tutte le aziende solidali di vincere sempre le loro sfide!

Bianca Mutti

Nessun commento: