mercoledì 31 marzo 2010

Mobile: i codici dell'enologia.

Il mondo del vino sta andando di pari passo con la tecnologia. Non si tratta più di un ambito di produzione “antico”, ma sorprendentemente al passo con i tempi: l’ultima novità è quella di apporre sulle etichette delle bottiglie di vino un codice QR.

Questo è nato come evoluzione del codice a barre e sta avendo larga applicazione nelle strategie di comunicazione e marketing grazie ai molteplici sbocchi e applicazioni che consente il suo utilizzo.

Ne abbiamo visti sui cartelloni pubblicitari, nei rotocalchi alla fine di un’ intervista per far vedere video del protagonista, oppure alla fine dei servizi di moda per mostrare un assaggio di sfilata…adesso viene usato anche per raccontare la storia di un vino!

Inizialmente si pensava fosse possibile apporre questo codice solo su superfici piane e cartacee, invece limiti non ce ne sono e le opportunità comunicative di questo strumento sono quindi infinite.



Pioniere di questo progetto è l’azienda toscana Rocca di Frassinello: basta avere uno smartphone con connessione a internet per leggere il contenuto del codice e avere accesso ai filmati in cui è proprio il creatore dei vini, l’enologo Alessandro Cellai, a presentarne caratteristiche e segreti come nessun altro potrebbe fare.

Si apre quindi una nuova strada alla comunicazione di un prodotto complesso come il vino, confermando la versatilità di uno strumento come il QRcode.

Un’idea semplice per un’intuizione in anticipo su tutti!


Bianca Mutti

Nessun commento: