venerdì 14 gennaio 2011

Riconoscere immagini attraverso il cellulare? C’è un’App!

Immaginate di essere al museo di fronte a un dipinto o di passeggiare nel centro storico di Roma e imbattervi in un monumento che suscita in voi curiosità. E’ in momenti come quelli che rimpiangete di aver saltato qualche capitolo di storia dell’arte al liceo, e di aver sepolto quei vecchi manuali chissà dove, durante uno dei vostri innumerevoli traslochi…

Ma vi verrà in soccorso Google, a voi basterà avere sotto mano il cellulare (purchè di nuova generazione). Qualche mese fa, infatti, è uscita Google Goggles, un’applicazione per smartphone che consente di restituire informazioni sulle immagini scattate: voi fotografate l'arco di Costantino e lui vi racconterà tutto sulla battaglia di Ponte Milvio e sul Concilio di Nicea.


Ancora più interessanti sono i risvolti di tipo commerciale legati a questa innovazione tecnologica. L’applicazione è oggi in grado di riconoscere anche la pubblicità e di fornire informazioni sul brand. Se ad esempio per strada, su una rivista o alla stazione della metro immortalassimo – attraverso la fotocamera integrata del nostro telefonino - l’affissione della nuova borsa Vuitton in vernice rossa, in pochi istanti la rete ci restituirebbe non solo tutti i dettagli sul marchio, lo spot e il prodotto, ma ci consentirebbe addirittura di acquistarlo online.

Si tratta naturalmente di un’evoluzione della ricerca semplice a cui tutti siamo abituati attraverso Google, ora ancora più rapida e “intelligente”. Integrata con i servizi del mobile payment, che rappresentano la nuova frontiera degli acquisti attraverso il telefono cellulare.
Si apre la strada a un futuro in cui potremo comprarci un paio di decolletes tacco 10 durante la pausa caffè in ufficio semplicemente sfogliando l’ultimo numero di Glamour.

Nessun commento: