mercoledì 26 ottobre 2011

In arrivo lo spot che solo i cani possono sentire.

Tutti gli amici che come me condividono divano e scendiletto con cani e gatti, sapranno bene quanto le nostre bestiole possano farsi schizzinose di fronte ad una scatoletta di una marca non proprio di loro gradimento… Per chi già ritiene che accontentare i loro gusti sia diventata un’impresa, sono in arrivo brutte notizie dal fronte advertising: pare infatti che la Nestlè abbia appena lanciato in Austria il primo spot tv con frequenze udibili solo dai cani.

Quello che ai padroni appare come un semplice e innocuo passaggio pubblicitario, veicola in realtà contenuti subliminali mirati al consumatore diretto (e più fedele): il suo cane. Si tratterebbe di ultrasuoni non avvertibili dall’orecchio umano ma particolarmente apprezzati da quello canino: pare che la Nestlè abbia tratto spunto da una campagna tedesca di successo che ha proposto poster annusabili per cani.


Il video pubblicitario di Beneful per Purina è stato realizzato col supporto di esperti nel comportamento animale e si propone di attrarre sia l’animale sia il padrone, sostenendo la speciale relazione tra i due: una svolta di marketing per il leader europeo nel settore petcare decisamente aggressiva, della quale si attendono i primi risultati.

La domanda a me nasce spontanea, non tanto sulle previsioni di fatturato, quanto sulla liceità di spot dai contenuti subliminali. Ma se la campagna si rivelerà efficace e a norma, investitori e padroni sono avvisati: la prossima volta toccherà ai gatti.

Nessun commento: