venerdì 1 febbraio 2013

Foodie Geek Dinner: la cena social per forchette tecnodipendenti.

Che succede quando la passione per la cucina incontra la tecnologia?
Che il digital stia colonizzando anche gli spazi "privati" e i nostri hobby per creare aggregazione ed entertainment è ormai un dato di fatto: viviamo il mondo social come universo parallelo abitato dai nostri avatar (mi ricorda il boom di Second Life nei primi anni del 2000, uno specchio del reale totalmente user generated, aperto a interazioni sociali, transazioni economiche, conferenze, eventi virtuali).

Oggi abbiamo le community online, più accessibili e intuitive, in cui brand e advertising convivono con privati e gruppi. E talvolta, da questa commistione, possono nascere iniziative ibride, a cavallo fra digitale e analogico, a scopo ludico ma che strizza l'occhio a partner e sponsor.

In questi giorni si fa un gran parlare della Foodie Geek Dinner, soprattutto sui canali a tematica culinaria. "Geek" in inglese indica un appassionato di computer e tecnologia, mentre Foodie ha a che fare, naturalmente, con il buon cibo.

La prima edizione si è tenuta lo scorso inverno a Torino dall'idea di due amiche foodblogger molto tech: la definiscono come una "cena offline a km0, per i Foodie&Geek che si conoscono online".  E' il momento, insomma, in cui il network web del food si incontra attorno allo stesso tavolo: foodblogger, web editor, instagramers, utenti twitter che interagiscono in Rete fanno conoscenza dal vivo, per una cena ad alto tasso di socialità con partecipanti local, provenienti dalla stessa città.

Dopo il successo della prima tappa, il FGD si è trasformato in un appuntamento itinerante in giro per l'Italia, che raggiungerà anche il Veneto e la capitale: intanto, il 6 marzo i locali del ristorante dell'Hangar Bicocca di Milano ospiteranno la seconda edizione, con partecipanti raddoppiati rispetto alla precedente.

Si è partito dal lancio di un tema, ogni volta diverso, applicabile a un menu: le proposte sono state raccolte sulla pagina Facebook e votate dagli utenti. I piatti finalisti verranno interpretati per la serata da uno chef d'eccezione.

E quando un’idea funziona e viene notata, le sponsorizzazioni non tardano ad arrivare: dalla collaborazione con aziende partner è nato il kit per i commensali, una sorta di bomboniera-omaggio della serata: quella milanese porterà le firme di Saiwa, Garofalo, Haribo, Lenti, solo per citarne alcune.

Alle due blogger Francesca e Mariachiara toccherà l'arduo compito della scrematura fra le mille candidature ricevute: l'obiettivo è di creare un gruppo di persone compatibili e affiatate, il cui incontro possa creare occasioni di collaborazione e un ampliamento della propria rete.

La FGD racconta di una passione che diventa fil rouge per arricchire il proprio network, dal web alla tavola: una community che nasce nei social e nei blog, per crescere nell’incontro di persona, davanti a un buon piatto elaborato e sfizioso. La tecnologia serve come mezzo per aggregare e diffondere, ma alla fine più di tutto conta ritrovarsi, condividere idee, mangiare in compagnia.  Questo è il vero significato di social.







Nessun commento: